La quadratura della tavola rotonda

Il ragazzo di Camelot fu scelto per andare in giro di paese in paese per raccontare cosa fosse Camelot.

Ecco, a me sabato scorso è stato chiesto di fare il ragazzo di Camelot e cioè l’ufficio stampa di questa nuova, piccola ma decisa, casa editrice: ideestortepaper.

Esserci ritrovati attorno ad una tavola (anche se non rotonda) sabato mattina per conoscere gli altri e raccontare come ognuno di noi intendesse costruire questa piccola grande idea è stato come diventare un cavaliere e giurare eterna fedeltà ad un gruppo di compagni.

La cosa che si è percepita più di tutte è stata l’incredibile sintonia d’intenti che si è creata tra i vari cavalieri presenti, come se questa nuova possibilità fosse un bisogno comune.

La possibilità è quella di raccontare, ognuno con la propria sensibilità e capacità, delle storie e proprio sabato abbiamo deciso che partiremo dai Mandamenti di Palermo.

L’entusiasmo non manca e nemmeno tutto il resto e quindi ciancio alle bande! Partiamo!