LA DONNA DI VICOLO VIOLA DI ALLI TRAINA ILLUSTRATO DA JESSICA ADAMO

7.00

Libro quaderno per lettori pigri. Le storie vengono raccontate nella seconda e terza di copertina. Per un numero massimo di 5200 caratteri. La copertina è stampata su carta acquerello da 300 gr. Il quaderno è composto da 48 pagine di carta usomano color avorio. Il segnalibro è allegato al quaderno insieme alla cartolina.

Descrizione

Esiste a Palermo uno scrittore senza romanzi, un poeta senza poesie. Si dice che nella sua casa in vicolo Viola siano passati i più illustri poeti che arrivavano da ogni parte del mondo per ascoltare i suoi versi. L’anno in cui l’uomo conobbe la donna sbucata fuori dal nulla, la temperatura non scese mai sotto i trenta gradi. Per questo il poeta passava eccezionalmente molto del suo tempo in strada, intento a guardare i gesti della gente, o al bar a bere vino fresco. Era infatti seduto ai tavolini all’aperto del bar sotto casa quando si accorse di lei, appoggiata a un muro. Teneva le mani dietro la schiena e la testa leggermente inclinata. Sembrava assente mentre fissava un punto indefinito della strada. Vestiva abiti troppo pesanti. I più l’avrebbero considerata strana, o comunque non in sintonia con il mondo circostante.